Cerca

EXEPT– Except – Eccezione

Aggiornamento: mar 27

Partiamo dal nome. Un gioco con la parola inglese “eccezione” appositamente modificata per rimarcare l’eccezionalità. Eccezionalità nel senso dell’unicità di ognuno di noi, ciascuno con le sue caratteristiche antropometriche, la sua storia, le sue esigenze e specificità.

Eccezione nel senso di eccezionalità dovuta alla presenza sul mercato di un’azienda che realizzi telai monoscocca su misura. E’ risaputo che i telai monoscocca per le biciclette vengano prodotti in serie, per la complessità e onerosità dello stampo.

Exept ha ideato però un processo basato su uno stampo a moduli componibili grazie al quale poter soddisfare quella nicchia di mercato lasciata vuota dalle aziende stock e costituita da chi desideri una bici in fibra di carbonio su misura con telaio monoscocca.

Qualcosa che fino a poco tempo fa era considerata una contraddizione in termini e che adesso è invece possibile grazie a questa azienda di Finale Ligure.

Un “Creato in Italia” di cui andare fieri: ingegnerizzazione e produzione interamente italiane!

L’eccezionalità dell’idea e dell’intero progetto Exept è ben rappresentata dal logo: un cigno nero stilizzato. La scelta non è casuale, prende spunto dalla riflessione sul luogo comune secondo cui tutti i cigni siano bianchi.

Presunzione che è stata considerata vera fino a quando esploratori europei non incontrarono in Australia il cigno nero (Cygnus Atratus) negli ultimissimi anni del 1600.

Sul concetto filosofico legato al cigno nero l’epistemologo e trader “pentito” Nassim Nicholas Taleb ha scritto un interessante saggio chiamato appunto Il Cigno Nero, dove – semplificando - viene affrontato il tema dell’eccezionalità del verificarsi di eventi ritenuti impossibili e dei loro effetti sulla storia evolutiva dell’umanità. Un’argomentazione dipende dalla fondatezza delle sue premesse: una falsa premessa può portare a un risultato errato e dati limitati producono una conclusione non corretta.


Era dunque una falsa premessa considerare impossibile realizzare telai di bici da corsa monoscocca su misura? Direi proprio di si!


· Telaio monoscocca; è davvero un unico pezzo senza giunzioni?


Per chiarezza va specificato che con il termine monoscocca si intende che il quadrilatero centrale del telaio – quello costituito da tubo orizzontale, tubo della serie sterzo, tubo obliquo e piantone sella – sia un pezzo unico. Questa è la zona dove si concentra buona parte delle sollecitazioni ed è quindi considerata una delle aree di maggiore attenzione nello studio delle forze che agiscono su un telaio di bici.

Il quadrilatero così realizzato viene unito con il triangolo costituito dal forcellino posteriore, per dare vita così al telaio completo.

E’ lo stesso procedimento seguito dalle aziende stock, con la differenza che con un prodotto in serie il cliente deve adattare le sue misure a quelle prodotte dall’azienda.

· Ma perché scegliere un telaio monoscocca vista la presenza di tanti bravi artigiani che producono degli ottimi telai fasciati? E, perché “su misura”?

Rispetto alla prima domanda si può sintetizzare che il monoscocca è un telaio dalle alte performance che riesce a coniugare una elevata rigidezza torsionale a una altrettanto considerevole flessibilità verticale per un maggiore comfort di guida; inoltre trattandosi di un pezzo unico, è potenzialmente più resistente e durevole nel tempo e più performante del fasciato.

Ne ho parlato in un altro articolo presente in questo blog: Quali differenze tra un telaio in monoscocca e uno fasciato

Rispetto al “su misura” bisogna dire che l’esigenza di avere un telaio cucito addosso alle proprie specifiche dimensioni è più frequente di quanto si possa immaginare e, più o meno, soddisfatta dall’accomodamento di posizione della sella e lunghezza dell’attacco manubrio.

Anche per questo argomento, all’interno del blog trovate un articolo dedicato: Bici da corsa:studio statistico sulla necessità dei telai su misura

In Exept ogni pezzo del telaio è frutto di un attento calcolo ingegneristico, pur lasciando al cliente un discreto spazio di personalizzazione definito però dalle prestazioni che l’azienda promette e vuole mantenere.



Il mix di fibre di carbonio utilizzato è appositamente scelto per qualità, loro orientamento e posizionamento nei punti strategici di pelli di fibra supplementari fino a raggiungere ben 255 pelli posizionate in punti diversi dell’intero telaio!

Un lavoro di cesello digitale, al computer, prima che manuale, che consente di rinforzare le zone del telaio più sollecitate e alleggerire quelle meno stressate, mentre le forme delle tubazioni sono disegnate per assecondare le forze prodotte in quella zona specifica.

Tubo obliquo maggiorato e arrotondato nella zona più bassa, quella del movimento centrale, per garantire robustezza e rigidità al fine di limitare al massimo la dispersione di energia nel telaio, pur mantenendo confortevolezza alla guida.

Ciò si traduce esteticamente anche in un effetto stupefacente che alterna rotondità e sezioni squadrate.

Una volta definito il progetto, il telaista riceve un book con le istruzioni dettagliate su quali fibre usare, dove e in che direzione! Un eccezionale lavoro di squadra tra la parte ingegneristica e la parte manuale dell’azienda.

Il “tocco artigiano” visibile è dato dalle misure del telaio scritte a mano sul tubo verticale e rivestite da una vernice trasparente.

Con Exept siamo nel campo del prodotto artigianale evoluto: passione e attenzione al dettaglio, conoscenza e supervisione dell’intero processo di produzione, supporto delle moderne tecnologie e dialogo con il committente, di cui si conoscono desideri e aspettative tradotte nella bici su misura.

L’azienda si posiziona nella fascia medio alta del mercato con una produzione di nicchia, tipica del prodotto artigianale. La vendita avviene tramite sito internet e punti vendita dedicati che sono delle vere e proprie boutique della bicicletta, dove l’acquisto viene preceduto da una consulenza.

L’esperienza di acquisto del cliente Exept parte dall’identificazione delle esigenze specifiche al fine di identificare la modalità d’uso prevalente che il cliente farà della bicicletta.

Questo primo passaggio consente di identificare la tipologia del telaio, scegliendo tra assetto endurance e race, segue una sessione di biomeccanica da effettuarsi presso il proprio biomeccanico o direttamente in azienda o utilizzando il configuratore on line del sito http://www.exept.cc/. Questo è un passaggio fondamentale al fine di ottenere le misure specifiche del cliente che si tradurranno poi in un telaio fatto specificamente su misura per lui come un abito sartoriale.

Segue la scelta della componentistica e infine… l’attesa… da molti ritenuta una delle parti più belle del piacere, nel senso più generale del termine; da altri invece, educati dai tempi di Amazon, dell’acquisto con consegna immediata, ritenuto un passaggio superfluo, qualcosa da eliminare dal processo d’acquisto

Per come la vedo io l’attesa per un prodotto fatto appositamente è intrinseca alla scelta di un prodotto artigianale, qualunque esso sia, creato apposta per te. E’ garanzia di attenzione, di rispetto dei tempi che ogni passaggio richiede, è quel tempo in cui la mente lavora di immaginazione e in cui si costruisce il rapporto di sinergia con quell’oggetto che da anonimo diviene nostro. https://www.exept.cc/it/

GC

Vuoi saperne di più su Exept bike?

Contattami

Il contatto non genera alcun impegno da parte tua


Rimani aggiornato/a, iscriviti alla mailing list

Clicca qui

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti