Cerca

Nutrizione e recupero post Covid 19

Aggiornamento: mar 27


Fà che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo.

Così ci istruiva Ippocrate, padre della medicina, per ricordarci che la Nutrizione è la prima forma di prevenzione per l'uomo, ma anche di terapia.



Qualche settimana fa ho fatto un’uscita in bici con un caro amico che è stato affetto da Covid 19. Sono rimasto sorpreso nel constatare il calo di prestazione e l’affaticamento a cui andava facilmente incontro anche a ritmi relativamente blandi di pedalata. Ora Lele ha ripreso alla grande anche se il recupero ha richiesto del tempo.

Mi sono chiesto se l’apporto di specifici nutrienti possa essere d’aiuto nel recupero, ne ho parlato con Dottoressa Fede che mi ha confermato l’esistenza di una forte connessione non solo tra cibo e recupero dalle malattie, ma anche tra nutrizione e resistenza dell’organismo agli attacchi di patogeni di varia natura.


In tempo di pandemia, molti sono gli studi in corso volti ad indagare come l'alimentazione possa giocare un ruolo fondamentale nella cura e nel recupero dei pazienti post Covid-19.


Oltre ai numerosi sintomi influenzali che persistono per settimane intere dopo aver contratto il virus, si evidenzia la perdita di massa muscolare che comporta perdita di forza fisica e lenta capacità di recupero.

Inoltre, una perdita di massa magra indebolisce ulteriormente il sistema immunitario, compromettendo la ripresa.


DIETA MEDITERRANEA. ANCORA LEI!


La dieta mediterranea attualmente è in grado di racchiudere tutte le caratteristiche per facilitare la ripresa dalla malattia:

-Ridurre lo stato infiammatorio

-Sostenere il sistema immunitario

-Contribuire al recupero della massa muscolare



UNA VERA DIETOTERAPIA CLINICA.


Quindi è necessario introdurre nel l’alimentazione:

Proteine di alta qualità biologica, soprattutto quelle derivate dal pesce ma anche dai legumi ricchi anche di minerali (soprattutto le lenticchie secche).

Indispensabili anche le carni bianche per la presenza di creatina che stimola l'aumento di energia dell'organismo.

Carboidrati integrali a basso impatto glicemico (farro, riso basmati o integrale, pasta di legumi) che danno energia ma riducono lo stato infiammatorio generalizzato.

Fibre prese da verdure di stagione e frutta fresca: mele con buccia, agrumi, fragole, carote, avocado.

Minerali come selenio e zinco sempre nelle verdure che aiutano il sistema immunitario

Vitamine specialmente A, C, D che troviamo in arance, kiwi, cavolfiori, e nelle proteine del Parmigiano e delle uova.

Grassi insaturi, quelli “buoni”, presi dall'olio EVO (Vitamina E), dal pesce azzurro e dalla frutta secca.

Tanta acqua per reidratarsi.


Meglio non affaticare l'organismo con eccesso di grassi saturi, zuccheri e alcolici.


Se si è molto debilitati può essere utile anche integrare la dieta con aminoacidi ramificati specialmente quando si riprende gradualmente l'attività fisica.


Non dimentichiamo tutti i cibi che sono antiinfiammatori naturali, antiossidanti.

Tra questi utilissimi i frutti rossi: da preferire mirtilli neri e lamponi.


A colazione, ad esempio sarebbe utile integrare il pasto con un succo di mirtillo o frutti rossi o ancora meglio di melograno, uno dei frutti più completi di sostanze nutritive protettive per i nostri tessuti.

In più aggiungere agli spuntini o merende frutti ricchi di magnesio, potassio che danno tanta energia: datteri, banane pesche e kiwi.


Utilissimi in tal senso anche i semi di zucca sia nell'insalata, ad esempio sia fuori pasto come spuntino insieme alla frutta fresca.


Infine, aiutiamo la salute del macrobiota intestinale, fonte di difese immunitarie indispensabili arricchendo l'alimentazione con alimenti probiotici: il kefir è la bevanda fermentata dal latte che ne contiene di più, da assumere al mattino a digiuno. Da preferire al naturale senza zuccheri accanto.


Ai pasti invece sarebbe utile utilizzare aglio o cipolla, famosi per le proprietà terapeutiche.

Dottoressa Federica Mastronardo

Biologa Nutrizionista

federica.mastronardo@yahoo.it


Rimani aggiornato/a, iscriviti alla mailing list

Clicca qui





0 commenti