Cerca
  • Giuseppe Crinò

LO SCAMBIO CULTURALE TRA I PAESI PASSA ANCHE ATTRAVERSO L'ARTE DEL COSTRUIRE BICI ARTIGIANALI.

Aggiornato il: mar 27

La passione di un prodotto d'eccellenza italiano che ci contraddistingue nel mondo, è occasione di scambio culturale tra Italia e Giappone. Anche in tempi di Coronavirus!


Gianni Pegoretti, artigiano del marchio italiano di biciclette artigianali DeAnima, sarà istruttore presso la Tokyo Cycle Design School e terrà un webinar agli studenti della scuola impossibilitati a partire per viaggi studio all'estero, a partire dal prossimo 5 Ottobre (2020).

Oggetto delle lezioni sarà la costruzione di telai in carbonio e le tecniche di verniciatura.


L'incontro è stato organizzato da Arteciclo di Atsushi Shizumi su iniziativa de La Mecca GK e Tokyo Cycle Design College (Mizuno Gakuen, Inc a Shibuya, Tokyo).


Si legge nel comunicato: "Si tratta di una rara opportunità per i ragazzi della TCDS che sono stati costretti ad annullare il loro programma di viaggio di studio all'estero a causa della diffusione del COVID-19, ricevere l'insegnamento da un maestro telaista di biciclette in Italia, la patria del ciclismo". In questo periodo, caratterizzato dalla presenza del COVID-19, in cui si pensa alla prevenzione, cresce l’ interesse verso l’ uso della bicicletta come mezzo per recarsi al lavoro e per fare esercizio fisico con scarso rischio di contagio.

E ancora, guardando all’ estero, quest’ estate si evidenzia la crescita della domanda di viaggi in bicicletta quale stile di vacanza, che eviti per quanto possibile, il contatto con le persone".


Una delle conseguenze del Covid 19 è dunque la ri-scoperta della bicicletta quale mezzo di spostamento in città e per piacere. Questo è il momento di osservare cosa succede nel mercato, con i marchi di fattura industriale dai grandi numeri, così come nel mondo delle produzioni artigianali di nicchia.


Le bici De Anima di Gianni Pegoretti sono considerate come dei pezzi d'arte nel panorama delle bici "Creato in Italia" e l'aspetto estetico della verniciatura e dei disegni rappresentati su di essi, è probabilmente la cosa che più le contraddistingue. L’arte moderna è -spiega Gianni- una delle mie passioni. Amo i pittori degli anni 50 come Jackson Pollock e Franz Kline dell’action painting e Alberto Burri o Jean Dubuffet dell’informale. Dalle loro opere, mie preferite, prendo l’ispirazione per verniciare i telai.” - continua Gianni - “Abbiamo una cabina di verniciatura nella nostra officina, così possiamo fare tutte le prove che vogliamo. Il marchio DeAnima significa passione e sensibilità, caratteristiche che mettiamo nel costruire i telai e verniciarli. Le biciclette alla fine sono come modern art




Ma sotto l'esteriorità di pezzi ispirati dalla passione per l'arte moderna, c'è lo studio dei materiali. DeAnima si differenzia da molti altri produttori di biciclette artigianali per il suo diverso approccio ai materiali che utilizza per realizzare i telai. Ovvero adopera come materiale principale il carbonio.

Lavorando col carbonio, i tubi utilizzati ce li prepariamo noi e non li compriamo dai grandi produttori (Columbus, Dedacciai, ecc.) In questo modo, possiamo realizzare i telai controllando la qualità dei materiali. Non vogliamo solo attenerci alle tradizioni del passato, ma anche abbracciare il progresso tecnologico e collegarlo alla nostra crescita

Questa è la strada che DeAnima intende perseguire: qualità, unicità e attenzione al cliente.

I loro telai sono in carbonio, ma non monoscocca, come propone oggi la prevalenza del mercato. Vengono costruiti con ogni tubo collegato, incollato e fasciato con carbonio. C’è molto più lavoro rispetto alla modalità monoscocca, ma questo lavoro è indispensabile per realizzare i telai costruiti geometricamente su misura per ogni cliente.


La personalizzazione della geometria del telaio favorisce un corretto posizionamento dell’atleta in bicicletta. Le tubazioni che compongono il telaio in carbonio, sono costruite con una stratificazione di fibra di carbonio pre-preg di Toray T800 3k plain e unidirezionale. Dopo aver disegnato e fatto produrre lo stampo, i tubi vengono prodotti in autoclave, mentre per quanto riguarda la fasciatura del telaio si utilizza il “sacco a vuoto”.




La passione per la trasmissione del sapere, da parte di Gianni Pegoretti, ha radici lontane. Gianni ha iniziato a lavorare come docente a San Patrignano, il più grande centro in Europa per il recupero dei tossicodipendenti dove erano previsti, fra gli altri, corsi di costruzione delle biciclette come programma di riabilitazione degli ospiti per dissociarsi dalle droghe e quindi potersi reintegrare nella società.

Inoltre questa struttura era anche un importante centro produttivo in Italia di biciclette fatte a mano. Forniva i prodotti a grandi case e Gianni era anche il responsabile del reparto produttivo. La costruzione artigianale di telai di biciclette dunque, quale mezzo per sostenere ragazzi tossicodipendenti a reintegrarsi nella società.



Quando nel 2014, San Patrignano ha deciso di chiudere il centro dove Gianni lavorava, e trasferire il reparto della produzione di biciclette, Gianni ha deciso di avviare una propria attività. Suo socio è diventato Antonio Attanasio che, già a San Patrignano, era il suo miglior apprendista e collega. Anche lui era uno dei giovani arrivati al centro di recupero per intraprendere il percorso di riabilitazione, e che poi si è reinserito nella società, dopo aver ricevuto una formazione tecnica professionale da Gianni.

Sin dalla nascita, DeAnima segue il metodo tradizionale italiano di produzione delle biciclette perché, secondo Gianni, “il business intorno alle biciclette è cambiato, i maggiori produttori italiani hanno abbracciato il nuovo metodo di produzione di massa. Così si è persa la vera anima dei telaisti di una volta.

Con un prestito in banca si può aprire l’attività. Ma poi si fa la scelta: posso comprare telai prodotti in Asia, mettere lo sticker della casa e riproporli al mercato e gli affari sarebbero più facili. Ma questa non è la nostra scelta.

Siamo un piccolo produttore e cresceremo nel modo che vogliamo”.


GC

Rimani aggiornato/a, iscriviti alla mailing list

Clicca qui



Post recenti

Mostra tutti